L’abuso: le condizioni intrapsichiche e relazionali

Relazione presentata a Mantova all’interno di un evento formativo nell’autunno del 2003.

Di Raffaella Magnoli

Il termine abuso è definito dal vocabolario come “fare un uso eccessivo o illecito di una persona per soddisfare un proprio bisogno”. Si tratta di una situazione di particolare gravità, soprattutto quando la persona coinvolta nell’abuso sia in condizioni di fragilità e vulnerabilità che la rendono impossibilitata a difendersi. Pensiamo alla condizione del bambino nei confronti di un adulto o dei genitori che lo utilizzano in conteste dirette all’evitamento della separazione, al paziente in rapporto al medico o all’infermiere, all’allievo in relazione all’educatore, etc.

>> pdf-icon scarica la relazione completa